Skip to main content

If It's Melted It's Ruined
Globe outline Sun blazing

 

Il Tempo Sta Finendo

Siamo stati fieri di essere stati presenti nel dicembre del 2015 quando i leader globali si sono riuniti per fare qualcosa di davvero importante : hanno adottato un insieme di manovre globali per combattere collettivamente il cambiamento climatico e si sono impegnati a tenere l'aumento della temperatura media ben sotto ai 2 gradi centigradi. Questo è stato un momento storico frutto di lunghi anni di lavoro. Tuttavia, Parigi non era di certo la fine; era solo l'inizio.

Con la pubblicazione del recente report dell'IPCC, il consenso della comunità scientifica globale non poteva essere più chiaro : il nostro mondo sta già vedendo gli effetti devastanti del cambiamento climatico ed il tempo per evitare conseguenze catastrofiche sta finendo.

Il Cambiamento Climatico Riguarda la Giustizia

Dalla siccità e dagli incendi devastanti agli incrementi vertiginosi del livello del mare, le vere vittime del cambiamento climati non sono solamente gli orsi polari ed i ghiacciai, ma anche le persone.

Tuttavia, gli effetti del cambiamento climatico non sono percepiti allo stesso modo. La crudele ironia del cambiamento climatico è che le persone nel mondo in via di sviluppo - che possono permettersi di adattarsi meno - pagheranno il prezzo più alto a causa dei 200 anni di industrializzazione ed inquinamento da parte del mondo sviluppato. Questo è realmente un problema della giustizia climatica.

 

Ma Ci Sono Buone Notizie

Mentre sappiamo che il tempo per reagire è poco, la notizia estremamente positiva è che sappiamo che cosa dobbiamo fare e che abbiamo la tecnologia per realizzarlo. Abbiamo tutti gli strumenti necessari per metterci al lavoro : sfruttare fonti di energia rinnovabili, i progressi fatti in termini di efficienza energetica nelle nostre case e nei nostri uffici, veicoli elettrici ed agricoltura rigenerativa che può catturare le emissioni di gas serra.

Il recente report dell'IPCC comunica che minimizzando i peggiori impatti del cambiamento climatico e riuscendo a mantenere il riscaldamento globale sotto ai 1.5º gradi "porterebbero rapidi, vasti ed inauditi cambiamenti in tutti gli aspetti della nostra società". Se da un lato questo potrebbe sembrare una sorte buia, in realtà è un'opportunità per avviare una transizione ad un'economia di energia pulita; quella del futuro.

In particolare, dobbiamo :

  • Mettere un prezzo al carbone
  • Ridurre le emissioni carboniche del 45% entro il 2030
  • Transitare ad 85% di energia rinnovabile entro il 2050
  • Smettere di usare il carbone completamente
  • Disinvestire dall'industria del carbonfossile
  • Assicurare sostegno alla mitigazione ed adattamento dei paesi in via di sviluppo

 

Che cosa vuol dire per Ben & Jerry’s?

Siamo consapevoli che la produzione del gelato implica una produzione considerevole nell'emissione dei gas ad effetto serra. Ogni pinta di gelato che facciamo genera circa 1 kg di gas serra. Abbiamo lavorato duro negli anni per ridurre le nostre emissioni a tutti i livelli della nostra catena di produzione. Abbiamo installato dei pannelli solari nella nostra fabbrica a Waterbury,VT che generano un terzo dell'elettricità della fabbrica. Abbiamo inserito un biodigestore ad Hellendoorn, la nostra fabbrica dei Paesi Bassi. Questo strumento trasforma gli avanzi di gelato dal processo produttivo in energia pulita per poter alimentare l''impianto, e abbiamo supportato nella creazione di una tecnologia per le casse dei freezer "climate friendly" (i.e. HFC-free). Ma per essere chiari, non è abbastanza e c'è ancora un sacco da fare.

Ben&Jerry's ha appena adottato un nuovo obiettivo ambientale attraverso tutta la nostra produzione. Questo obiettivo fa parte di un movimento in crescita : Science Based Targets Initiative, una collaborazione tra CDP, le Nazioni Unite del Global Compact (UNGC), Istituto delle Risorse Mondiali (WRI), il Fondo Globale per la Natura e uno degli impegni della We Mean Business Coalition. La SBTI aiuta le aziende a porsi degli obiettivi in linea con le ultime novità della scienza, cosicchè anche la comunità del business possa fare la sua parte nel tenere il riscaldamento ben sotto a 2 gradi.

 

Unisciti al Movimento Climatico Globale

Se si scioglie, si rovina. È vero per il gelato, ed è vero anche per il nostro pianeta.

Ci vorrà molto di più che le azioni di singole aziende e persone per combattere il cambiamento climatico. Dobbiamo collettivamente fare appello ai nostri leader per dare rapido sostegno alla transizione ad un'economia di energia pulita. Abbiamo tutti gli strumenti per farlo, ci serve solo la volontà di metterlo in atto.

Unisciti a Ben&Jerry's e dai il tuo sostegno 

 

 

 

I nostri amici
  • AVAAZ-logo.pngAvaaz  è un movimento globale online per portare avanti politiche mosse dal popolo e trasformale in decisioni in tutto il mondo.

  • ClimateReality-logo2.pngThe Climate Reality Project è un'organizzazione no profit che si focalizza sull'educazione al cambiamento climatico e al sostegno di energia pulita. Incoraggiano i cittadini ad informarsi, a farsi sentire e ad attivare per ottenere un cambiamento.

  • 350VT-logo.png350.org  è un movimento del cambiamento climatico che sta organizzando ed informando cittadini di 188 paesi a spingere i loro leader a risolvere il problema del cambiamento climatico e ridurre le emissioni. Il loro nome viene dall'obbiettivo di ridurre CO2 da 400 ppm ad al di sotto di 350.

  • BICEP-logo.pngBICEP  è una coalizione di aziende che si impegnano a lavorare con la classe politica per passare delle mozioni in ambito legislativo riguardanti l'energia ed il clima che possano permettere la rapida trasformazione ad un'economia a basso uso di carbone, l'economia del ventunesimo secolo che crearà nuovi lavori e stimolerà una crescita economica e al tempo stesso stabilizzerà il clima fragile del nostro pianeta.

Back To Top
Gli Ultimi Blog

 

FAQ
  • E' reale e sta succedendo ora. Per noi, non riguarda solo gli orsi polari e la calotta polare, ma riguarda le persone ed è un problema di giustizia economica e sociale.

    Ci siamo sempre impegnati a ridurre l'impatto negativo che il nostro brand ha sull'ambiente. Abbiamo investito nell'efficientamento energentico e nella riduzione degli sprechi nei nostri impianti di produzione, abbiamo installato bio-digestori che trasformano i rifiuti in energia pulita nel nostro stabilimento di produzione europeo e riforniamo solo il cartone Forest Stewardship Council (FSC) per i nostri imballaggi.

  • Come azienda alimentare, molti dei nostri partner nella nostra catena del valore, compresi i nostri fornitori Fairtrade nel sud del mondo, sono a rischio reale da un pianeta che si riscalda. E poiché il cambiamento climatico è un rischio per le persone nella nostra catena di approvvigionamento, è anche un rischio per la nostra attività.

  • Per noi, il problema del cambiamento climatico non è solo un problema di natura ambientale. Si tratta di una seria minaccia per popolazioni più povere e vulnerabili sul nostro pianeta. Il problema è stato sicuramente in gran parte causato dalle nazioni sviluppate e ricche del nord del globo, mentre quelle dell'emisfero meridionale meno sviluppate sono più a rischio e hanno poche risorse per adattarsi al rapido surriscaldamento globale. E' una questione di diritti umani e di giustizia sociale.

  • Ci stiamo lavorando da tempo. Abbiamo guidato la nostra prima campagna di sensibilizzazione nel 2007, in collaborazione con la Dave Matthews band. Abbiamo un lungo trascorso nell'obiettivo di ridurre l'impatto ambientale della nostra azienda. Abbiamo investito presto e spesso nell'efficientamento negli impianti di produzione per incrementare l'efficienza energetica e la riduzione di rifiuti. Recentemente abbiamo battezzato un biodigestore presso la nostra fabbrica di gelati nei Paesi Bassi che trasforma i rifiuti creai durante il processo di produzione in energia pulita. Ecco un elenco completo di ciò che abbiamo fatto:

    • 2002 - Began Carbon compensa con NativeEnergy gli impianti di produzione del Vermont
    • 2004 - Analisi del ciclo di vita completata per la produzione dell'Unione Europea (UE)
    • 2007 - L'UE ha cominciato a compensare le emissioni di carbonio
    • 2007 - One Sweet girò la campagna di sensibilizzazione
    • 2008 - Inventario di carbonio completato negli Stati Uniti
    • 2008 - Collaborazione con Greenpeace per ottenere l'approvazione EPA di cabinet refrigeranti senza idrofluorocarburi (HFC)
    • 2014 - Analisi del ciclo di vita completa per gli Stati Uniti
    • 2014 - Installato un bio-digestore presso il nostro stabilimento di produzione in Olanda
    • 2015 - Analisi del ciclo di vita da completare per l'UE

     

  • Sappiamo che un'azione aziendale volontaria non fornirà cambiamenti di sistemi su larga scala necessari per mantenere il riscaldamento al di sotto di 2º Celsius. Abbiamo bisogno di leader in tutto il mondo per sostenere le politiche che eliminano i combustibili fossili e guidano un rapido aumento delle energie rinnovabili. Solo un movimento sociale di ampia portata costruirà la pressione sostenuta sui leader mondiali che possono offrire questo futuro decarbonizzato. Ecco perché ci impegniamo a contribuire alla crescita del movimento climatico internazionale in crescita. Insieme, possiamo mostrare ai leader mondiali che il momento di agire è ora.

  • Stiamo incoraggiando i nostri fan, consumatori e cittadini a diventare parte del movimento climaticoglobale. Se vogliamo evitare il catastrofico cambiamento climatico, avremo bisogno di un apio e variegato movimento di cittadini che vogliono prendere in prima persona parte nella protezione del nostro globo. Incoraggeremo i nostri fan ad unirsi ad Avaaz, uno dei numerosi gruppi che costituiscono il movimento globale.

    Avaaz continuerà a coinvolgere i nostri fan e a incoraggiarli a prendere azione nel momento in cui possono essere più impattanti. Vogliamo trovare un modo facile per i nostri fan di prendere azione riguardo un problema al quale sappiamo che tengono.

  • il 2015 è un grande anno. I leader mondiali hanno stabilito una scadenza per finalizzare l'accordo internazionale che richiederà a tutte le nazioni di ridurre l'emissione di gas serra in modo tale da mantenere il riscaldamento sotto i 2° Celsius. Senza usare mezzi termini, 2015 metterà il mondo sulla strada vero un clima stabile a lungo termine, oppure ci ritroveremo all'interno di un incontrollabile cambiamento climatico.

     

  • Noi, sì. La nostra impronta di carbonio per pinta è di ca. 1kg o approssivamente di circa 136.000 tonnellate di gas serra all'anno. Guarda la nostra analisi del ciclo di vita qui. 

  • Si, Ben & Jerry's si impegna a ridurre la sua impronta di gas serra assoluta. Crediamo che le aziende debbano fissarsi obiettivi ambiziosi che siano radicati nella scienza. Ben & Jerry si impegna a scollegare per la crescita della nostra attività con la crescita delle nostre emissioni di gas serra. Puntiamo alla riduzione dell'80% delle nostre emissioni assolute entro il 2050, nonostante un piano ambizioso per far crescere la nostra attività. Tra oggi e il 2020 ci siamo impegnati a ridurre le emissioni per unità di produzione del 15%.

  • Più della metà delle emissioni di carbonio della nostra azienda proviene dalla produzione dei nostri ingredienti, in particolare il latte. Le emissioni delle aziende agricole rappresentano il 42% delle emissioni complessive del ciclo di vita della nostra azienda, quindi per fare progressi reali per ridurre la nostra impronta, dobbiamo collaborare con i nostri allevatori familiari per migliorare la gestione del letame, ridurre le emissioni enteriche della mandria e passare a metodi di coltivazione migliori che promuovono la salute del suolo e sequestrano il carbonio. Inoltre, continueremo a spingere l'efficienza in tutti i nostri impianti di produzione, ndla nostra rete logistica e nella nostra catena di fornitura congelata.

  • I conti di trasporto in uscita rappresentano circa il 15% dell'impronta delle nostre imprese, quindi la logistica è una parte considerevole della nostra impronta. Tuttavia, il gelato che spediamo a livello internazionale viene spostato dal mare, che è il modo più efficiente per spostare le merci. Il World Shipping Council afferma che una tonnellata di merci può essere spedita dal porto di Melbourne in Australia al porto di Long Beach in California, a una distanza di 12.770 chilometri (7.935 miglia), generando meno emissioni di CO2 di quelle generate quando si trasporta lo stesso carico negli Stati Uniti in camion da Dallas a Long Beach, una distanza di 2.307 chilometri (1.442 miglia). Puoi esaminarlo ulteriormente qui. 

    Per consentirci di realizzare riduzioni significative del 15% circa del nostro ingombro associato alla spedizione in uscita, dovremo incrementare l'efficienza nelle flotte di camion refrigerati su strada che spostano i nostri prodotti sul mercato interno.

  • Sì, siamo un'azienda lattiero-casearia e siamo orgogliosi del nostro rapporto con gli agricoltori della famiglia che forniscono tutto il nostro latte e panna. Tuttavia, con l'agricoltura responsabile del 15-20% delle emissioni globali di gas serra, abbiamo molto lavoro da fare per ridurre le emissioni agricole. Ecco perché stiamo rivedendo il nostro programma Caring Dairy per esplorare possibilità come lo sviluppo di un modello di gas a effetto serra per le nostre fattorie che ci consentirà di misurare riduzioni reali dell'impronta delle nostre fattorie. Abbiamo anche iniziato a investire in importanti tecnologie come separatori di letame e biodigestori nelle aziende lattiero-casearie nella nostra catena di fornitura per ridurre la nostra impronta di gas serra e allo stesso tempo avvantaggiare gli agricoltori.

  • Siamo grandi fan del nostro pianeta e monitoriamo sempre l'impatto che stiamo avendo sull'ambiente. Quando si tratta di imballaggio, tutto il cartone presente nel nostro imballaggio è fabbricato con cartone certificato Forest Stewardship Council. A causa di problemi di igiene, siamo tenuti a rivestire il nostro cartone FSC; pertanto l'imballaggio non è attualmente ampiamente riciclabile. Questo è qualcosa che stiamo cercando di migliorare, e speriamo che nel prossimo anno possiamo fare progressi su questo problema.

  • Al fine di mantenere la temperatura media globale al di sotto dei 2 ° C, Ben & Jerry's supporta le seguenti politiche

    • Assicurarsi che i 2/3 di tutte le riserve di combustibile fossile commercialmente vitali rimangano nel terreno
    • Eliminare completamente tutte le emissioni di combustibili fossili il prima possibile, ma non oltre il 2050
    • Non fare nuovi investimenti in infrastrutture per combustibili fossili
    • Coinvolgere tutti i paesi nell'eliminazione progressiva delle emissioni di combustibili fossili, con azioni che variano a seconda delle responsabilità comuni, ma differenziate dei paesi e delle rispettive capacità
    • Trasformare l'economia globale in energia rinnovabile al 100%, garantendo nel contempo un accesso sostenibile all'energia per tutti entro il 2050
    • Mettre un prezzo scientificamente fondato sull'inquinamento da carbonio che limita il riscaldamento a 2º Celsius.
    • Creare un quadro globale in cui le economie sviluppate contribuiscano a finanziare il passaggio a uno sviluppo sostenibile a basse emissioni e resiliente ai cambiamenti climatici nei paesi in via di sviluppo e nel sud globale

     

Back To Top

View All FAQs